Over the spotlights: scopri la Lisbona autentica

lisbona intendente

Esiste una Lisbona fuori dagli spotlights.

Vive a un passo dalle zone di Rossio, Alfama e Chiado; ma qui non viene quasi nessuno. 

Forse leggendo online tra i quartieri da evitare a Lisbona ti sarà capitato di imbatterti in nomi come Martim Moniz, Intendente o persino Mouraria. 

In verità, questi sono esattamente i luoghi che dovresti visitare per conoscere una Lisbona autentica. 

Perché questa città è un connubio equilibrato da vecchio e nuovo.

Tra crema pasticciera e curcuma.

Tra radicamento e apertura.

Lisbona resiste, nel vero senso della parola. 

Qui ancora nel 2022 nascono centri e associazioni culturali, roccaforti della resistenza alternativa alla cultura della massificazione, circoli, associazioni artistiche, spazi aperti e di condivisione. 

Queste perle della città si nascondono in locali leggermente decentrati dalle vie più battute, ma sono vicinissimi al centro e senza dubbio custodiscono il vero spirito di Lisbona: anima alternativa tra le capitali d’Europa.

 

lisbona autentica

© Silvia Mangini

 

Quali quartieri visitare a Lisbona per vivere un’esperienza autentica

Dal quartiere di Graça dove vivo, si arriva con facilità a quello di Intendente. 

Pochi minuti a piedi per ritrovarsi immersi in profumi di curry, spezie orientali, falafel e kebab. 

Ma anche vicino ad alcuni dei locali più alternativi di Lisbona. 

Qui trovi Casa Independente, letteralmente una casa aperta, nata nel 2012 con l’obiettivo di diventare un centro culturale multidisciplinare.

 A Casa Independente puoi fermarti per una bevuta da sorseggiare nel bellissimo chiosco interno oppure per partecipare ad uno dei suoi numerosi eventi culturali, come mostre artistiche o musica dal vivo. 

Nel quartiere di Anjos, accanto all’Intendente, trovi Zona Franca: una associazione culturale, ricreativa e gastronomica senza scopo di lucro e riservata ai soli soci. 

Puoi tesserarti all’arrivo e fermarti qui per cena oppure ancora solamente per qualche evento, fanno spesso anche musica dal vivo e l’atmosfera è veramente intima, un po’ come  mi immagino quella dei centri sociali italiani degli anni ’70. 

Sempre qui si trova anche Anjos 70: uno spazio culturale che ospita vari eventi ma assolutamente conosciuto da tutti per il suo flea market. 

 

lisbona autentica

© Silvia Mangini

 

Dal primo passo che ho mosso in città non ho mai smesso di stupirmi e innamorarmi. 

Lisbona è ogni giorno una scoperta che inizia con un sole meraviglioso ogni volta in cui apro le mie finestre sopra Largo da Graça.

(Il sole c’è e si sente anche quando piove).

Lisbona è sempre di più casa; mi accoglie col sorriso, quando il mio barista sessantenne mi strizza l’occhio perché finalmente ho imparato a ordinare in Portoghese.

È nostalgica e familiare con le signore che tra la Alfama e la Mouraria  ti vendono la Ginja alla porta di casa (grazie al cielo ancora senza scontrino), come si faceva una volta.

Lisbona è ancora una città autentica se vissuta con la lente giusta. 

 

lisbona intendente

© Silvia Mangini

 

Perché ricercarla? Perché sarà la più ricca esperienza di viaggio possibile. 

 

Attenzione, potresti non lasciarla mai più, proprio come ho fatto io.

Il mio progetto #overlisbona ti porta alla scoperta del Portogallo fuori dalle rotte turistiche di massa, tra queste, anche le perle nascoste di Lisbona. 

 

Lisbona centro

© Silvia Mangini

 

Se sei un viaggiatore che non ricerca itinerari allora stammi a sentire, questo progetto parla proprio a te (anche io non ne cerco mai), in questi ci sono inciampata letteralmente.

 

Se invece hai un’attività in Portogallo che apporta beneficio alla cultura e alla tradizione locale, oppure conosci qualche attività portoghese di nicchia che soddisfa questi requisiti, scrivimi!

 

 

Sarò felicissima di scoprirla e parlarne. 

Un abbraccio di saudade e vino verde

Silvi

Share: